Orthosiphon

Newsletter

Seleziona il prodotto (i prodotti) di tuo interesse

Tieni premuto il tasto Ctrl (o Mela x Mac) per selezionare più prodotti

Orthosiphon: ingrediente di Reductup Uomo

Orthosiphon (Orthosiphon stamineus): in Reductup Uomo foglie E.S. titolato al 0,2% in sinensetina
Costituenti principali

I costituenti principali dell’orthosiphon sono: flavoni lipofili (sinensetina), sali di potassio (3%), triterpeni, fitosteroli (betasitosterolo).

Impiego terapeutico

Orthosiphon è indicato per impiego terapeutico al fine di curare: disturbi renali in genere e prevenzione della formazione di calcoli renali, renelle, infiammazioni croniche e recidive delle pelvi renali, della vescica e dei reni, ritenzione idrica, coadiuvante nel trattamento degli stati edemigeni periferici, nell’adiposi e nell’ipercolesterolemia.

Attività farmacologica

L’ortosiphon ha avuto una funzione molto rilevante come pianta medicinale per le popolazioni malesi. È un vegetale originario del sud-est asiatico e dall’isola di Giava, dalla quale deriva anche il nome come Tè di Giava.
Assai diffuso in Indonesia ed in India sin dai tempi più antichi come curativo per i problemi dell’apparato renale e della vescica, in Europa se ne concepisce l’utilizzo solamente dalla fine dello scorso secolo. Solo di recente l’ortosiphon si è proposto all’attenzione della nostra fitoterapia per le sue proprietà diuretiche in grado di far aumentare l’escrezione urinaria dei composti azotati e dei cloruri.

Non si deve altresì dimenticare l’esito stimolante sulla produzione biliare, che rende questa pianta un depurativo ad ampio spettro sull’organismo.
Le foglie contengono flavoni polimetilati di natura lipofila non ancora completamente identificati, fra i quali il più indicativo e presente in maggior misura è la sinensetina. Per la sua condotta acquaretica, l’rtosiphon presenta effetti favorevoli anche verso le affezioni renali e particolarmente nelle infezioni delle vie urinarie di natura virale ed infiammatoria e nella renella. Ha inoltre proprietà ipocolesterolomizzanti.

Il meccanismo alla base dell’azione diuretica è ancora oggetto di studio ma si è osservato che, in seguito a somministrazione di preparati a base di ortosiphon, si consegue un aumento della perdita di liquidi seguito da un aumento della eliminazione di cloruri, di sodio e di sostanze azotate, inclusa l’urea.

È stata esaminata anche una variazione dell’ azotemia. L’azione ipocolesterolomizzante si ritiene essere attribuibile ad un aumento della captazione epatica del colesterolo e ad un potenziamento delle vie cataboliche periferiche del colesterolo stesso.
L’ortosiphon contiene, inoltre, notevoli e importanti quantità di sali di potassio: le sue caratteristiche diuretiche sono dovute indubbiamente all’azione sinergica dei flavonoidi e dei sali di potassio che potenziano quella delle saponine, con lo scopo di divenire un valido aiuto nel riequilibrio idrico-salino.

All’orthosifon sono attribuibili pregevoli qualità batteriostatiche e virostatiche connesse alla presenza dei derivati dell’acido rosmarinico, valido nella cura delle infezioni urinarie. L’ortosiphon è ottimamente tollerato e non presenta alcuna tossicità alle dosi indicate e nessun effetto collaterale. È controindicato in caso di insufficienza cardiaca a e renale. Non usare in gravidanza e allattamento.