Citrus Aurantium

home / Reductup Uomo - Prodotto / composizione / Citrus Aurantium

Newsletter

Seleziona il prodotto (i prodotti) di tuo interesse

Tieni premuto il tasto Ctrl (o Mela x Mac) per selezionare più prodotti

Citrus Aurantium: ingrediente di Reductup Uomo

(E.S. Tit. 6% Sinefrina in Reductup Uomo: estratto secco ricavato dalla buccia d’arancia)
Costituenti principali

Il citrus aurantium è composto dai seguenti elementi: Ammine simpaticomimetiche (sinefrina, octopamina) bioflavonoidi (neoesperidina, naringina, esperidina) e flavonoidi (tangeretina, nobiletina, sinensetina, auranetina, rutine, ecc.), olii essenziali, sostanze amare (auranziamarina), composti cumarinici.

Attività principali

Il citrus aurantium è stimolante del sistema adrenergico e selettivo per i recettori beta-3. Stimolante della funzionalità gastrointestinale.

Impiego terapeutico
  • Coadiuvante nelle terapie ipocaloriche
  • Stanchezza ed esaurimenti
  • Effetto anabolico
  • Mancanza di appetito
  • Disturbi dispeptici
Attività farmacologica

Il citrus aurantium ha una lunga tradizione di utilizzo nella medicina cinese, dove è utilizzato come corroborante delle attività vitali dell’organismo, come la stimolazione della circolazione nelle manifestazioni congestizie dell’apparato respiratorio e la sollecitazione dell’ efficienza gastrointestinale nelle situazioni di indigestione.

L’arancio amaro o citrus aurantium è composto da due insiemi di sostanze: quelle volatili, formanti l’essenza e quelle stabili, costituite specialmente da glucosidi flavonici (esperidina e derivati), pectine (nel mesocarpo) e sostanze amare di natura chimica non definita.
Si è scoperto che la scorza del frutto, nota per il suo contenuto in bioflavonoidi, in alcuni momenti della maturazione, cioè quando ancora il frutto non ha ancora raggiunto la maturazione, è ricca di un’insieme particolare di ammine adrenergiche.
Sono state individuate le cinque fondamentali che sono: sinefrina, N-metiltiramina, ordenina, octopamina e tiramina, la cui stabilità nell’estratto fitoterapico è garantita solamente da un attento processo di estrazione.

Recenti studi scientifici e clinici hanno comprovato per i suddetti estratti standardizzati di citrus aurantium un esito termogenico selettivo con un accrescimento dell’attività metabolica del corpo umano: essi faciliterebbero l’utilizzo dei grassi al fine energetico, con miglioramento delle prestazione fisiche mediante il procedimento dell’aumento della beta-ossidazione dei grassi a livello muscolare che, a sua volta, sostiene l’aumento della massa magra.

La sinefrina è certamente la più nota ammina simpatico-mimetica ad attività termogenica: è stata provata la sua potenzialità nello stimolare con sistema selettivo i recettori beta-3. I recettori beta-3 sono i recettori più diffusi nel composto adiposo e nel fegato.
La sinefrina origina il rilascio di adrenalina e noradrenalina senza interporsi sulle altre categorie di recettori adrenergici, (alfa-1 e 2, beta-1 e 2). Con questa attività ottiene una valida azione termogenica senza conseguenze secondarie.
L’ effetto, di conseguenza, è una sollecitazione diretta dei recettori beta-3 che a loro volta sono responsabili dei processi di lipolisi dei grassi presenti nel tessuto adiposo. Nel contempo, si ottiene un aumento del metabolismo basale con consequenziale accrescimento del consumo calorico quotidiano.

Sebbene si tratti di un fitocomplesso molto attivo, gli studi compiuti sulla tossicità acuta e permanente di questo componente convalidano la sicurezza d’utilizzo di estratti standardizzati di citrus aurantium, se ci si adegua strettamente alle istruzioni d’uso.

Le ammine simpatico-mimetiche dell’estratto sono contenute in misura decisamente minore a quella adoperata a scopo farmacologico. Non somministrare in gravidanza e durante l’allattamento ed al di sotto dei 12 anni. In presenza di cardiovasculopatie e/o ipertensione, prima di assumere il prodotto, consultare il medico.

Il citrus aurantium attacca direttamente i grassi già depositati, favorisce la loro conversione in energia e facilita il loro smaltimento. Assicura un energico effetto lipolitico (attività in cui si demoliscono i grassi).

I frutti acerbi ed essiccati di citrus aurantium varietà amara (arancio amaro) racchiudono in se la sinefrina, un’amina simpatico-mimetica in grado di determinare una significativa diminuzione di assunzione di cibo e di peso corporeo.
La sinefrina contenuta nel citrus aurantium ha forma chimica simile alla noradrenalina ed esercita una attività simpatico-mimetica indiretta poichè riduce, a livello sinaptico, l’uptake della noradrenalina restituendola così più utilizzabile.

Tra gli esiti vantaggiosi, i più rilevanti sono la diminuzione dell’appetito esercitata a livello del Sistema Nervoso Centrale e l’aumento della lipolisi per effetto della sollecitazione dei recettori beta 3 (termogenesi).
Il processo termogenico è regolato dalla relazione della noradrenalina con i recettori B-adrenergici in un complesso beta-adrenergico con il sistema enzimatico denilatociclasi. L’attivazione della adenilatociclasi, a sua volta regolata dalle proteine-G ad azione stimolatoria, aumenta le quote intracellulari del secondo messaggero AMP ciclico (L’adenosina monofosfato ciclico è un metabolita delle cellule prodotto grazie all’enzima adenilato ciclasi a partire dall’ATP).

L’aumento del AMP ciclico stabilisce un’aumentata lipolisi ed un accresciuto consumo mitocondriale di ossigeno, indicatore di un’aumentata termogenesi (letteralmente “sviluppo di calore”). Questa attività è dissimile da soggetto a soggetto poiché strettamente connessa a cause genetiche (metabolismo) che definiscono la quantità di un tessuto molto particolare detto tessuto adiposo bruno.

Questo tessuto, abbondante alla nascita e che decresce con il trascorrere degli anni, è un tessuto metabolicamente dinamico, poiché genera calore ed energia “bruciando” l’adipe in maggior misura rispetto a qualsiasi altra zona dell’organismo.
La localizzazione del tessuto adiposo bruno è maggiormente addominale ed a livello del tronco e del seno. La mansione di questo grasso è quella di generare energia e calore. Nei bambini appena nati ha il compito di tenere in equilibrio la temperatura corporea.

Questa attività è chiamata termogenesi e si attua anche successivamente ad un pasto, limitando in tal modo l’impatto del consumo di calorie sul peso del corpo e sui depositi adiposi, dissolvendo l’energia derivata dai cibi sotto forma di calore.
Negli individui in sovrappeso, sovente il grasso bianco non è più capace di svolgere l’attività di utilizzazione dei grassi come “combustibile” per la generazione di calore, con consequenziale accrescimento di peso corporeo e di tessuto adiposo.

Il tessuto adiposo bianco immagazzina, al contrario, calorie in eccedenza, determinando l’aumento del peso corporeo. Il Tessuto adiposo bianco si sviluppa in maggior misura nel periodo prenatale e si propaga velocemente dopo la nascita. È ubiquitario ma è in maggior misura presente in ambito addominale, pericardico, renale, muscolare, mammario e sottocutaneo.
È la sede fondamentale dell’accumulo di trigliceridi. La stimolazione della termogenesi del grasso bianco, (ricco di recettori adrenergici beta3) che è spinto a comportarsi metabolicamente come grasso bruno, è un metodo utile per limitare e tenere sotto controllo il peso corporeo e i risultati conseguiti sono durevoli, poiché la perdita di peso è dovuta all’eliminazione del grasso e dell’acqua.

Il Ministero della Sanità Italiano consente un dosaggio massimo di sinefrina di 30 mg./die come sostanza presente negli integratori. Il citrus aurantium è controindicato per chi ha problemi di cardiovasculopatie e/o ipertensione.