Naturdieta: esclusive formulazioni svizzere

Lastevolution: L-Prolina

en
0,00
SSL
info pagina
home / Lastevolution / composizione / L-Prolina

L-Prolina: ingrediente naturale di Lastevolution

L’aminoacido prolina è un costituente basilare delle proteine di struttura del corpo chiamate collagene ed elastina.
La maggior parte delle aste di rinforzo di collagene, ad esempio, sono composte da prolina. È semplice comprendere quanto sia importante al fine di ottenere una migliore robustezza dei nostri vasi sanguigni e per la nostra costituzione in generale l’assumere dosaggio appropriato di prolina mediante la dieta.

La prolina è essenziale anche nel processo di regressione dei sedimenti arteriosclerotici. I globuli di grasso contenenti colesterolo (lipoproteine) aderiscono internamente ai vasi sanguigni mediante del “nastro adesivo” di origine naturale.

La prolina è uno straordinario agente antiaderente, che è in grado di rendere inefficace l’adesività di suddetti globuli di grasso. L’effetto curativo presenta due caratteristiche.
In primo luogo la prolina aiuta ad impedire il persistente accumulo di depositi arteriosclerotici e successivamente favorisce la rimozione delle particelle di grasso già collocatesi nelle pareti arteriose del flusso sanguigno.

Nel momento in cui numerosi globuli di grasso vengono tolti dalle placche delle pareti arteriose, la dimensione dei sedimenti si riduce, conducendo ad una normalizzazione della malattia cardiovascolare.

La prolina è un amminoacido non essenziale che, grazie alla suo profilo caratteristico, attua un ruolo organico sostanziale nelle proteine stabilendone proprietà particolari conformazionali e di stabilità.

È in grado di bilanciare l’attività del sistema immunitario, stimolandolo quando non è reattivo o contenendolo quando è iperattivo.

La sua azione equilibratrice si sviluppa particolarmente a livello della ghiandola del timo addetta alla formazione delle cellule T tra le funzioni delle quali viene annoverata la soppressione di tutte quelle cellule che nel corpo sono state occupate da agenti estranei oppure sono divenute cancerose.

Scheda completa