Fruttosio

Newsletter

Seleziona il prodotto (i prodotti) di tuo interesse

Tieni premuto il tasto Ctrl (o Mela x Mac) per selezionare più prodotti

Fruttosio: ingrediente naturale di Lastevolution

L’eiaculazione femminile proviene dalle ghiandole periuretali. Queste ghiandole si saturano con il fluido durante il rapporto sessuale e il rigonfiamento del tessuto può essere sentito dal muro vaginale. Il liquido che fuoriesce è composto anche da glucosio (uno zucchero naturale) e fruttosio.
Sono stati effettuati diversi studi sui fluidi emessi durante l’eiaculazione femminile per individuarne la composizione chimica. Mediante le analisi chimiche è stato rilevato che il fluido contiene:

  • Glucosio (uno zucchero naturale) e fruttosio (un ulteriore zucchero naturale che si riscontra anche nel fluido seminale prostatico)
  • Antigene prostatico specifico (PSA): un’enzima prodotto dalla prostata e presente nello sperma che il PSA conserva fluido dopo l’eiaculazione. Si suppone che nella donna l’antigene venga originato dalle ghiandole periuretrali
  • Un tasso molto basso di creatinina e urea: i due essenziali marcatori chimici dell’urina, ritrovati ad alte concentrazioni nelle analisi dell’urina antecedenti e posteriori all’eiaculazione.

Nel 1988, Milan Zaviacic, dell’Istituto di patologia dell’Università di Bratislava, presentò uno studio su cinque pazienti ricoverate a causa di problemi di fertilità nel dipartimento di ginecologia e ostetricia. La totalità dei campioni di una delle degenti ed un campione su quattro di una seconda donna del gruppo furono prelevati direttamente in laboratorio, i rimanenti a domicilio. In quattro casi su cinque, i campioni furono esaminati entro tre ore dal prelievo, mentre in quello rimanente furono analizzati tre mesi dopo. I risultati rivelarono, in tutti e cinque i casi, una concentrazione di fruttosio maggiore nel campione dell’eiaculato.

Il fruttosio è un prodotto naturale. Così come il saccarosio è lo zucchero naturale della barbabietola e della canna da zucchero, il fruttosio è presente naturalmente nella frutta, nel miele ed in certe piante come le cipolle o la cicoria.

Proprietà fisiologiche
Metabolismo

Il fruttosio è un carboidrato naturale normalmente presente in tutte le cellule viventi.
Dopo l’ingerimento, il fruttosio viene assimilato dal tubo digerente ad una velocità più lenta che non il glucosio ed il saccarosio ma ad una velocità molto più elevata che non il sorbitolo, xylitolo e mannitolo.

Sessanta grammi di fruttosio consumati da una persona adulta non presentano problemi digestivi.
Assorbito dal tubo digerente, il fruttosio viene propagato mediante le vene in direzione del fegato dove verrà utilizzato al fine di elaborare il glicogene epatico. Questo accumulo di glicogene epatico non è insulino-dipendente.

Queste proprietà di metabolismo del fruttosio apportano una ridottissima modifica dei tassi glicemici presenti nel sangue se confrontate alle modificazioni analizzate dopo l’assunzione di altri zuccheri. Il glicogene epatico è la riserva ideale di energia durante lo sforzo fisico.

Fruttosio e diabete

Viene raccomandata la limitazione di saccarosio e glucosio nelle diete di soggetti affetti da diabete per evitare i brusche modificazioni dei livelli glicemici dopo la loro assunzione. Si è comunque notato che per la medesima quantità di calorie ingerite l’apice di glicemia sanguigna è inferiore dopo l’assunzione di fruttosio che non in seguito all’assunzione di saccarosio o glucosio.