Naturdieta: esclusive formulazioni svizzere

Kalospeed: Garcinia

en
0,00
SSL
info pagina
home / Kalospeed / composizione / Garcinia

Garcinia: ingrediente naturale Kalospeed

La Garcinia Cambogia (Denominazione botanica: Garcinia Cambogia Desr. - fam. Guttifere), pianta originaria del sud-est asiatico, utilizzata in erboristeria in prodotti dimagranti per la presenza nella buccia del frutto di acido idrossicitrico. Sembra che l’acido agisca sull’enzima citratoliasi o direttamente sull’acetilcoenzima A, bloccando la sintesi degli acidi grassi, evitando che si formi tessuto adiposo.

Se da un lato il processo è positivo poiché porta al consumo dei grassi circolanti (con riduzione dei trigliceridi), dall’altro è negativo perché l’acetilcoenzima A è fondamentale nella produzione di energia. La parte utilizzata è la buccia del frutto.

Spontanea nelle zone a clima tropicale dell’India meridionale, dell’Indocina, della Cambogia e delle Isole Filippine, la garcinia cambogia (i cui sinonimi conosciuti sono Citrin (TM), Citrimax (TM) - Nomi stranieri: ingl. - Gamboge, Cambodia) produce foglie opposte, fiori solitari e grandi frutti giallastri (bacche) a forma di zucca, di sapore salato astringente, provvisti di buccia dura e contenenti grossi semi racchiusi in un arillo polposo.

L’idrossicitrato, contenuto nella buccia del frutto di garcinia cambogia, agisce sul fegato e in altri distretti (tessuto adiposo, intestino tenue etc.) riducendo la produzione di colesterolo e trigliceridi fino al 27%) a partire dagli zuccheri.
Questo comporta una riduzione dell’accumulo di grassi inoltre l’organismo, avendo a disposizione una grossa quantità di energia derivante dalla demolizione completa degli zuccheri attraverso il ciclo dell’acido citrico, non sente il bisogno di ingerire ulteriore cibo <=> diminuzione del senso dell’appetito.

Il meccanismo d’azione dell’idrossicitrato, di seguito descritto nei dettagli, è illustrato nello schema riportato sul retro. La demolizione finale degli zuccheri, delle proteine e dei grassi ingeriti avviene nei mitocondri attraverso il ciclo dell’acido citrico (ciclo di Krebs) con produzione di energia attraverso la catena respiratoria a questo direttamente collegata.
Quando l’ingestione di cibo, in particolare di zuccheri, è in eccesso, una parte del citrato (prodotto chiave per il funzionamento del ciclo di Krebs) esce nel citoplasma e qui, ad opera dell’enzima citratoliasi, dà origine con successivi passaggi agli acidi grassi, al colesterolo e di conseguenza all’immagazzinamento dell’energia in eccesso sotto forma di grasso, che viene depositato nel tessuto adiposo.

L’idrossicitrato limita fortemente l’attività dell’enzima citratoliasi pertanto blocca drasticamente questo processo di immagazzinamento sotto forma di grasso favorendo invece la demolizione completa degli alimenti con produzione di energia, di conseguenza conferisce senso di sazietà.

Scheda completa