Capsico

Newsletter

Seleziona il prodotto (i prodotti) di tuo interesse

Tieni premuto il tasto Ctrl (o Mela x Mac) per selezionare più prodotti

Il Capsico in Can Can Gel

Questa spezia, grazie ai suoi principi attivi, al suo sapore, al suo colore e alle sue mille qualità, è senz’altro una delle piante più adatte a stimolare in noi il desiderio sessuale e a metterci in grado di soddisfarlo.
Lucido e brillante e dal sapore aggressivo, ha sicuramente in sé una fascino di tipo sessuale; a questo si aggiunga la grande quantità di vitamina “E” che contiene, la vitamina della fecondità e della potenza sessuale, ed il suo colore caldo, il rosso, lo stesso colore del sangue.

Efficacia scientifica

Secondo una ricerca inglese, esiste un’ormone, il VIP (implicato nella chiusura delle comunicazioni arterovenose, elemento all’origine della tumescenza dei tessuti erettili: in altre parole, è forse il VIP che determina l’erezione nell’uomo ed i somiglianti fenomeni nella donna. Quando l’organismo aumenta la sua produzione di VIP (vasoactive intestinal polypeptide), l’effetto è una dilatazione dei vasi periferici (per es. si diventa rossi in faccia); la circolazione del sangue ed i battiti cardiaci accrescono così come aumenta la frequenza respiratoria.

Pepe e Capsico determinano la vasodilatazione nella zona lombosacrale che comprende anche gli organi genitali, tutte reazioni collegate all’eccitazione sessuale ma anche reazioni provocate da cibi piccanti.

Il Capsico (vitamine PP ed E) ha proprietà vasodilatatrici, anticolesterolo, elasticizzanti dei capillari e antiossidanti.
Inoltre il Capsico è un buon vasodilatatore e favorisce la circolazione sanguigna soprattutto nei genitali. Così i corpi cavernosi (i due tessuti spugnosi ai lati del pene), ricevendo sangue, si ingrossano dando origine all’erezione. La medesima reazione si ottiene per gli organi genitali femminili che, ottenendo più sangue, si inturgidiscono più facilmente. Tutto questo provoca una sensazione generale di benessere che risulta essere intensamente afrodisiaca.

La parte attiva della pianta è costituita dal frutto che contiene la capsaicina, una essenza oleosa e rubefacente la quale è responsabile del suo gusto piccante.
Dal punto di vista chimico, nel peperoncino è possibile isolare sostanze azotate, capsacina, oleoresina, capsantina, un colorante carotenoide rosso, quercitina, esperidina, eridietrina, lecitina, vitamine C, PP, E, K2, P, A, sali minerali acido malonico e citroflavonoidi. Senza entrare nel merito dei mirabili effetti delle vitamine e dei soli minerali contenuti nel prodotto, è bene ricordare l’azione vasodilatatrice ed emodinamica.

Il Capsico è particolarmente efficace nello stimolare l’attività dei tessuti e rendere operante il circolo venoso e capillare. Sono in svolgimento studi che mettono in evidenza l’effetto antistaminico del frutto e ne suggeriscono l’uso in alcune patologie allergiche e nell’asma.

Benefici del Capsico

Il Capsico, oltre a stimolare la circolazione sanguigna, sollecita la funzione vasodilatatrice. Il Capsico fornisce all’organismo vitamine e numerose altre sostanze; tra queste sono da ricordare la capsicina, la capsaicina (che conferisce al peperoncino il caratteristico sapore piccante), la capsantina, diversi sali e oligoelementi naturali, olio essenziale e lecitina, quest’ultima contenuta in modo particolare nei semi. Particolarmente importante è il contenuto di vitamina C, che - tra le sue altre funzioni - ha anche un ruolo importante nella difesa contro le infezioni.

La capsaicina, un principio attivo dal quale derivano numerose proprietà attribuite al peperoncino stesso. La capsaicina svolge la sua funzione principale agendo sulla circolazione periferica del sangue e sui ricettori periferici nervosi. Essa stimola la circolazione sanguigna e causa su pelle e mucose arrossamenti in un certo senso proporzionali alla sua concentrazione.

Ovviamente, dosi elevate di capsaicina possono cagionare arrossamenti e bruciori. In situazioni normali - ed in particolare in caso di infiammazioni - la capsaicina presa in dosi limitate tende a normalizzare la circolazione del sangue svolgendo un conseguenza benefica in caso di infiammazioni. Somministrata per via orale, la capsaicina sollecita una più importante secrezione sia di enzimi digestivi che di muco protettivo della mucosa, legittimando in tal modo alcuni degli effetti positivi (combatte difficoltà digestive e scarso appetito) attribuiti dal patrimonio di conoscenze popolari all’uso del peperoncino come condimento delle pietanze. Su questa linea si è posta anche la scienza medica ufficiale con la tintura di capsico, l’olio di capsico, la capsaicina stessa e alcuni derivati prodotti per via biochimica.

Proprietà vere e presunte del Capsico

Particolarmente degno di attenzione è il riscontro positivo che il suo uso sembra avere sulle affezioni cardiocircolatorie. Sembra, infatti, che il Capsico oltre a stimolare la circolazione sanguigna, solleciti la funzione vasodilatatrice, renda elastici i capillari sanguigni, regoli la tensione arteriosa determinando una serie positiva di condizioni vascolari. A tale proposito, si è verificato che nelle regioni in cui è ampio il suo uso, siano limitate patologie come l’arteriosclerosi, l’eccesso di colesterolo e gli infarti. Con l’assunzione regolare di Capsicopare possano venire ridotte le vene varicose e in certi casi scomparire. La stessa calvizie sembra limitata tra gli abituali consumatori di Capsico e l’effetto è ancora una volta attribuito alla mobilità sanguigna che esso provocherebbe nei confronti dei capillari del bulbo capillifero.