Naturdieta

Esclusive formulazioni svizzere !

Rimedi e ricette svizzere

Formulazioni esclusive

Rimedi e ricette svizzere: formulazioni esclusive

In oltre 20 anni, Wonderup S.a.g.l. con i prodotti naturali della propria linea Naturdieta, è cresciuta costantemen-
te raccogliendo le sfide del mercato e offrendosi come punto di riferimento nel settore degli integratori e della cosmesi naturale, grazie a formule sicure ed efficaci derivanti da una consolidata esperienza e dalla conti-
nua attività di ricerca [continua ...]

Comunicazione importante: da leggere con attenzione

Tutti i nostri prodotti sono notificati e inclusi nel Registro Degli Integratori dell’Ente Sanitario Preposto al Controllo.

Versione Italiana English Version Seleziona la Versione
Scegli la Versione

Compila il form sottostante: potrai rimanere aggiornato su tutti i nostri prodotti. Attenzione: tutti i campi sono obbligatori. Grazie per la collaborazione.

Dati anagrafici
Scelta argomento/i
Codice di verifica
Cambia immagine Inserisci qui sotto il codice
Invia / Cancella dati inseriti

Preferisci parlare direttamente con noi? Contattaci ai seguenti recapiti:

  • Tel. (CH): (+41) 91.64.74.883
  • Cellulare Vodafone (+39) 349.75.44.328
  • Cellulare Tim (+39) 333.19.83.462
  • Cellulare Orange (+41) 076.56.04.883
  • Fax (CH): (+41) 91.64.74.884
  • E-mail: info@naturdieta.com
  • Skype naturdieta1
  • Windows Messenger nuovomondo56@live.it
stai visitando: home » prodotti » Evergreen » composizione » glucosamina (Pag. 1) » glucosamina (Pag. 6)
Glucosamina - Pag. 6

Evergreen:

Glucosamina: ingrediente di Evergreen

Qualche tempo fa, questa sostanza aveva provocato atten-
zione ed entusiasmo per i successi procurati poichè non migliorava solamente i sintomi ma limitava l’aggravamento patologico. Essa è una molecola solitamente generata dal corpo umano e deriva dalla glucosamina, un glucide mono-
aminosaccaride che partecipa alla composizione della matrice extracellulare della cartilagine.

Si è riscontrato che la glucosamina, data a dosaggi farma-
cologici per via esterna, opera sull’artrosi del ginocchio presumibilmente tramite l’interdizione di un elemento nucle-
are e dunque, di particelle cromosomiche che disciplinano i mediatori causanti l’infiammazione sinoviale e la distruzione della cartilagine.

Le ricerche addotte allo scopo volgevano a comprovare che con la somministrazione per un lungo periodo (tre anni) di glucosamina si poteva limitare l’evoluzione dell’artrosi e ciò era dimostrato dal fattore conservativo degli spazi tra le articolazioni individuabili con una radiografia. Si otteneva altresì un avanzamento del quadro clinico che si tramutava anche in un miglior controllo dei sintomi.

I risultati sul breve periodo

Glucosamina: ingrediente di EvergreenI ricercatori, spagnoli e portoghesi in partico-
lare, hanno insistito in seguito sulla forma analgesica ed antinfiammatoria ma limitata-
mente nel tempo. Questi studiosi hanno cercato di capire come poter utilizzare la glucosamina per guarire la sintomatologia, quindi il bisogno del paziente di finire di provare dolore e di conseguenza di potersi muovere.
Per valutare il cambiamento favorevole è stato scelto l’indice di Lequesne, un test che accerta il grado di dolore e disturbo e la possibilità di deambulazione e di attività nei comportamenti quotidiani. A circa 300 pazienti sono state distribuite dosi di glucosamina solfato (1500 mg. al giorno), il paracetamolo (1000 mg. tre volte al giorno) o un farmaco inerte in base ad uno modello randomizzato e in doppio cieco.
La preferenza del paracetamolo come analgesico di raffron-
to non è occasionale, in quanto è proprio l’Eular, la Lega europea contro i reumatismi (European league against rheumatism) che lo specifica come intervento farmacologico primario in opposizione al dolore. Sono stati ammessi anche termini di raffronto di efficacia complementari, tra i quali l’efficacia su pazienti che reagivano positivamente alla cura (responder).

Fondamentale il dosaggio

Un primo riscontro è stato compiuto dopo sei mesi di trattamento con comparazioni evidenti di apprezzamento nei confronti dei due principi attivi. Nel riscontro contro placebo si sono raggiunti buoni effetti ma quelli pervenuti con la glucosamina erano più vantaggiosi di quelli conseguiti mediante il paracetamolo, con il beneficio di non avere esiti collaterali dannosi. Il paracetamolo, di fatto, non ha conseguenze gastrointestinali ma al lungo termine opera sulla biochimica del fegato, accrescendo le transaminasi.

Gli artefici dell’ analisi definita Guide (Glucosamine Unum In Die Efficacy) e mostrata in anteprima in un meeting a Milano, hanno messo in risalto l’importanza della posologia e della forma (fosfatata) con la quale viene dato il principio attivo. La glucosamina, difatti, essendo una sostanza naturale, viene proposta negli Stati Uniti come integratore alimentare senza limiti stabiliti di dosaggio, mentre in Europa, pur essendo in libera vendita, viene consentita un posologia limitata (un sesto di quello farmacologico), notevolmente differente rispetto a quella annunciata dal trattato indicato come metodo terapeutico.

Concept by Webattuale
© 2012 Wonderup Sagl - Tutti i diritti sono riservati | xhtml | css | webmaster | guida al sito |