Naturdieta

Esclusive formulazioni svizzere !

Rimedi e ricette svizzere

Formulazioni esclusive

Rimedi e ricette svizzere: formulazioni esclusive

In oltre 20 anni, Wonderup S.a.g.l. con i prodotti naturali della propria linea Naturdieta, è cresciuta costantemen-
te raccogliendo le sfide del mercato e offrendosi come punto di riferimento nel settore degli integratori e della cosmesi naturale, grazie a formule sicure ed efficaci derivanti da una consolidata esperienza e dalla conti-
nua attività di ricerca [continua ...]

Comunicazione importante: da leggere con attenzione

Tutti i nostri prodotti sono notificati e inclusi nel Registro Degli Integratori dell’Ente Sanitario Preposto al Controllo.

Versione Italiana English Version Seleziona la Versione
Scegli la Versione

Compila il form sottostante: potrai rimanere aggiornato su tutti i nostri prodotti. Attenzione: tutti i campi sono obbligatori. Grazie per la collaborazione.

Dati anagrafici
Scelta argomento/i
Codice di verifica
Cambia immagine Inserisci qui sotto il codice
Invia / Cancella dati inseriti

Preferisci parlare direttamente con noi? Contattaci ai seguenti recapiti:

  • Tel. (CH): (+41) 91.64.74.883
  • Cellulare Vodafone (+39) 349.75.44.328
  • Cellulare Tim (+39) 333.19.83.462
  • Cellulare Orange (+41) 076.56.04.883
  • Fax (CH): (+41) 91.64.74.884
  • E-mail: info@naturdieta.com
  • Skype naturdieta1
  • Windows Messenger nuovomondo56@live.it
stai visitando: home » prodotti » WonderOver » domande (Pag. 1) » domande (Pag. 2)
Domande - Pag. 2

WonderOver:

WonderOver: domande e risposte più frequenti

Perchè gli isoflavoni di WonderOver sono utili nella donna in menopausa? Perché se confrontati con altri fitoestrogeni, essi sono dotati di attività estrogenica più elevata. Anche se con minore conformità, essi si collegano al recettore degli estrogeni costituendo un insieme recettoriale che opera mediante un procedimento affine.
Numerose qualità benefiche degli isoflavoni sono riconducibili alla delicata attività estrogenica della genistei-
na
e della daidzeina, i due isoflavoni di maggior interesse ed alla loro influenza reciproca con i recettori per gli estrogeni ripartiti in tutto l’organismo. La genisteina possiede una valenza estrogenica 7 volte maggiore a quella della daidzeina. La gliciteina, un altro isoflavone, è essenzialmente inerte.

Dove si trovano gli isoflavoni? WonderOver è una fonte ricchissima di isoflavoni e più precisamente nella sua formula completa composta da Biancospino (Crataegus oxyacantha), Luppolo (Humulus lupulus L.), Cimicifuga (Actaea racemosa L.), Erba Medica o Alfalfa ( Medicago Sativa), Equiseto (Equisetum arvense L.), Fieno Greco (Trigonella foenum-graecum L.), Soia. Si riscontrano altresì in certi legumi, nei semi di lino ed in talune graminacee. I fagioli e le vivande a base di soia ne accolgono approssimativamente 13 mg./g. I nutrimenti di soia classici riforniscono circa 30 mg. di isoflavoni per porzione.

Sussiste un’equilibrio naturale ricorrente tra i differenti isoflavoni? Solitamente, nel seme di soia la genisteina è l’isoflavone presente in maggior misura, approssimativamente il 70%, seguito dalla daidzeina (25%) e da ulteriori isoflavoni (per es. gliciteina) 5%.

Gli isoflavoni presenti nelle piante possono essere utilizzati dal corpo umano così come si propongono? Gli isoflavoni vigenti in natura, nell’istante in cui accedono al sistema digerente, sono soggetti ad una sequenza di conversioni che li rendono usufruibili dall’organismo diven-
tando biodisponibili. Questo è un passaggio di basilare rilevanza dal momento che i principi attivi non sono quelli vigenti nelle piante ma i corrispondenti metaboliti, vale a dire le particelle che vengono generate dal nostro corpo muovendo dal precursore vegetale.

In natura gran parte dei fitoestrogeni sono connessi ad una molecola di zucchero, dando forma ai glucosidi inattivi (gliconi). Solamente nel momento in cui lo zucchero viene eliminato mediante l’attività litica della flora batterica dell’intestino, i composti (agliconi) acquisiscono tutte le proprietà nutrizionali che li caratterizzano.

Ci sono delle cause o dei farmaci che sono in grado di mutare il metabolismo degli isoflavoni nel nostro corpo? Un’alimentazione molto ricca in fibre può ridurre l’assorbimento enterico di isoflavoni. Anche l’utilizzo a lungo termine di antibiotici, mutando la flora intestinale, può limitare la possibilità di sfruttamento degli isoflavoni. È utile rammentare che l’attività biologica dei fitoestrogeni può essere influenzata da cause individuali come il proprio stato fisico generale, gli alimenti mangiati, i medicinali utilizzati, l’entità di ormoni presenti nel sangue al momento dell’assunzione.

I composti proteici della flora intestinale svincolano gli isoflavoni degli zuccheri per idrolisi consentendone in questo modo l’assorbimento ed il transito nel sangue.

Concept by Webattuale
© 2012 Wonderup Sagl - Tutti i diritti sono riservati | xhtml | css | webmaster | guida al sito |