Naturdieta

Esclusive formulazioni svizzere !

Rimedi e ricette svizzere

Formulazioni esclusive

Rimedi e ricette svizzere: formulazioni esclusive

In oltre 20 anni, Wonderup S.a.g.l. con i prodotti naturali della propria linea Naturdieta, è cresciuta costantemen-
te raccogliendo le sfide del mercato e offrendosi come punto di riferimento nel settore degli integratori e della cosmesi naturale, grazie a formule sicure ed efficaci derivanti da una consolidata esperienza e dalla conti-
nua attività di ricerca [continua ...]

Comunicazione importante: da leggere con attenzione

Tutti i nostri prodotti sono notificati e inclusi nel Registro Degli Integratori dell’Ente Sanitario Preposto al Controllo.

Versione Italiana English Version Seleziona la Versione
Scegli la Versione

Compila il form sottostante: potrai rimanere aggiornato su tutti i nostri prodotti. Attenzione: tutti i campi sono obbligatori. Grazie per la collaborazione.

Dati anagrafici
Scelta argomento/i
Codice di verifica
Cambia immagine Inserisci qui sotto il codice
Invia / Cancella dati inseriti

Preferisci parlare direttamente con noi? Contattaci ai seguenti recapiti:

  • Tel. (CH): (+41) 91.64.74.883
  • Cellulare Vodafone (+39) 349.75.44.328
  • Cellulare Tim (+39) 333.19.83.462
  • Cellulare Orange (+41) 076.56.04.883
  • Fax (CH): (+41) 91.64.74.884
  • E-mail: info@naturdieta.com
  • Skype naturdieta1
  • Windows Messenger nuovomondo56@live.it
stai visitando: home » prodotti » Can Can » composizione » miele (Pag. 1) » miele (Pag. 2)
Miele - Pag. 2

Can Can:

Il miele in Can Can Gel

Microbiologia Clinica

MieleÈ stato ribadito che la soluzione acquosa di miele ferma lo sviluppo dei batteri: “Salmonella - Staphylococus aureus - Micrococcus flavus - Sorcina lutea - Bacillus cereus - Bacillus subtilis” (Crane, White et al.).
Già il galattosio, il lattosio, il mannosio,il glucosio ed il saccarosio in soluzione acquosa hanno proprietà batteriostatiche. Il miele ha proprietà molto più forti che gli zuccheri sopra descritti. Si possono notare inoltre le proprietà inibiniche del miele che affiorano durante la formazione di HO che si forma durante l’ossidazione del glucosio.

Nella storia ed in letteratura si è parlato spesso del valore farmacologico del miele e del suo ampio utilizzo sia come medicamento vero e proprio che come coadiuvante delle cure.
Il suo utilizzo più comune è quello di conservante per alimenti per le sue particolarità antibatteriche ed antifunginiche. Le abrasioni ed alcune patologie dermatologiche vengono sanate con il miele. Oltre l’uso topico, assimilato in soluzione acquosa, cura l’indigestione e le malattie infettive gastroenteriche. In passato veniva impiegato nel trattamento delle gastriti e delle ulcere gastroduodenali. Alcune interessanti ricerche sono state condotte nella Clinica Pediatrica dell’Università di Varsavia su bambini affetti da gastroenteriti batteriche facendo assumere antibiotici in unione con il miele: è stata esaminata che tale associazione riduceva di circa due giorni la guarigione. (Bornus, Josko et. al.).

Un aspetto importante dal punto di vista clinico è senz’altro l’utilizzo come alimento ipotensivo per la presenza della rutìna che è una sostanza che interferisce con i recettori della pressione del sangue; difatti tutti i mieli comprendono anche la colina e l’aceticolina sostanze ipotensive.
Il Miele è anche un anticoagulante in quanto contiene la cumarina, la quale viene metabolizzata nell’organismo formando cumarolo, sostanza con attività anticoagulante.

Miele contro i batteri

MieleUno studio condotto da Rose Cooper, microbiologa dell’Università del Galles, scopre che il miele è un ottimo medicinale per rimarginare ferite che non si vogliono chiudere. Inoltre sembra essere in grado di distruggere molti ceppi batterici, compresi alcuni di quelli resistenti agli antibiotici. La notizia, pubblicata sulla rivista “Journal of Applied Microbiology”, non è nuovissima, dato che anche la scienza medica dell’antico Egitto utilizzava il miele come medicamento.

Sino ad oggi si pensava che gli zuccheri del miele servissero solo a rendere più lenta la crescita dei batteri. Lo studio della Cooper palesa invece che all’interno del miele c’è qualche altra sostanza (non ancora identificata) che sopprime i batteri. La Cooper è giunta a questa conclusione confrontando il miele naturale con una soluzione sintetica dalla stessa concentrazione zuccherina ed ha così ha scoperto che quello naturale era tre volte più efficace. Alcune qualità di miele, quando sono diluite, formano acqua ossigenata, che uccide i batteri e quindi può essere utilizzata per medicare le ferite. Ma il gruppo di ricerca di Cooper pensa che ci sia qualche altro fattore in gioco oltre al perossido.

I ricercatori hanno utilizzato ceppi dei batteri Staphlyococcus e Enterococcus che oppongono resistenza ad antibiotici considerati “ultima risorsa”, come la meticillina e la vancomicina. I batteri erano stati raccolti dalle ferite delle persone e dalle superfici ambientali dei reparti ospedalieri. Il miele contenuto nella formulazione di Can Can gel potrebbe esercitare quest’azione anti-microbica grazie agli enzimi secreti dalle api oppure a causa della sua acidità o anche per qualche sostanza chimica presente nel nettare della pianta utilizzata dall’ape.

Concept by Webattuale
© 2012 Wonderup Sagl - Tutti i diritti sono riservati | xhtml | css | webmaster | guida al sito |